Pubblicato il 26/05/14

Con gli OGM siamo... ai confini della realtà!

L'ostracismo verso gli organismi vegetali geneticamente modificati (OGM) è un’altra di quelle storie che solo in un contesto scientificamente confuso può trovare posto. Modifichiamo geneticamente i batteri per produrre nuovi farmaci e i topi da laboratorio per scoprire nuove cause di malattie e nessuno se ne lamenta, comprensibilmente. Se invece modifichiamo geneticamente il mondo vegetale, succede un putiferio, pur in senza alcuna evidenza di danni alla salute dei consumatori. E, come si evince dalla nota odierna, su queste paure irrazionali si appoggiano, cinicamente, interessi di parte. (vt)
Gli agricoltori che nel mondo coltivano piante migliorate dall’ingegneria genetica (ogm) sono quasi 18 milioni, per oltre 180 milioni di ettari. E’ vero che metà della produzione mondiale deriva dagli Stati Uniti, ma questo garantisce anche sulla sicurezza di queste piante: a quasi vent’anni dalla loro commercializzazione non un solo caso d’intossicazione o danno sanitario è stato registrato dai Centers for Disease Control; che invece elencano centinaia d’intossicazioni all’anno associate al consumo di alimenti da agricoltura biologica. Con gli ogm s’inquina anche di meno, malgrado la propaganda li descriva come minacce per l’ambiente.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Gilberto Corbellini
    Gilberto Corbellini è professore ordinario di storia della medicina e docente di bioetica alla Sapienza, Università di Roma. Ha pubblicato una decina di libri, oltre un centinaio articoli e collabora con Domenica del Sole24Ore.
© 2017 - fivehundredwords.it - Credits