Pubblicato il 16/03/20

COVID19 – Descrizione di un nuovo patogeno e di una nuova malattia

Abbiamo un’epidemia da malattia virale. C’è tanta preoccupazione per la tenuta del nostro pur valido sistema sanitario e per la salute di tutti, soprattutto i più fragili. Vogliamo provare a dare un modesto contributo descrivendo la natura ed il nome del nuovo virus, il nome della nuova malattia e le indicazione dell’OMS e del nostro Governo. Niente di più perché non vogliamo aggiungerci al “rumore” spesso insopportabile prodotto da presunti esperti che non riescono a non dire la loro. A qualunque costo, anche quando non ci sono notizie certe da dare e con questo virus di certezze ne abbiamo ancora davvero poche. Solo un esempio, le informazioni sulla letalità del virus cioè il rapporto tra pazienti che muoiono (al numeratore) e pazienti affetti (al denominatore), quindi N° di morti/N° di affetti. Bene, non abbiamo dati certi né sul numeratore, né sul denominatore. Infatti, sul numeratore, nessuno sa quanti pazienti sono morti per colpa del virus e quanti invece, pur infetti, sono morti per altri motivi. E sul denominatore, è pacifico che il numero d’infetti sia molto ma molto maggiore di quello che è stato accertato, per il semplice fatto che in una percentuale di casi non irrilevante il virus causa pochi o nessun sintomo e la malattia non è, quindi, diagnosticata. Ne conseguono due fatti certi: 1. la letalità oggi non è calcolabile con precisione; 2. i calcoli di oggi sovrastimano certamente la letalità reale (molto verosimilmente abbiamo numeratore più piccolo e denominatore più grande). Ma nonostante ciò dai giornalisti, ai colleghi medici e/o ricercatori di vario ordine e natura si sentono numeri e percentuali a pioggia. Ma perché su questo punto non parlano solo gli epidemiologi, magari solo quelli esperti in malattie infettive? Volete un buon consiglio? Consultate i siti ufficiali dell’organizzazione mondiale della sanità (www.who.int), dell’Istituto Superiore di Sanità (www.epicentro.iss.it) e del Ministero della Salute (www.salute.gov.it) e se dovete ascoltare qualcuno che fa previsioni, che sia un epidemiologo. E nel frattempo…#iorestoacasa. (vt)
I coronavirus (CoV), così denominati per presenza di punte a forma di corona sulla loro superficie) possono causare dal raffreddore a sindromi respiratorie gravi, come la “severe acute respiratory syndrome” (SARS). Sono virus comuni in molti animali che in alcuni casi possono infettare l’uomo. Il 31 dicembre 2019, le autorità sanitarie cinesi hanno segnalato un focolaio di polmonite a Wuhan ed il 9 gennaio 2020 ne hanno identificato la causa in un nuovo coronavirus denominato SARS-CoV-2. L’11 febbraio, l’OMS ha chiamato COVID-19 (Corona Virus Disease, 2019) la malattia respiratoria da SARS-CoV-2.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Eleonora Morini
    Eleonora Morini è Medico, Specialista in Endocrinologia, e Dottore di Ricerca in "Scienze Endocrinologiche". Durante tutta la sua formazione universitaria ha svolto attività di ricerca sulla genetica del diabete e delle sue complicanze cardiovascolari, che continua ancora a svolgere mentre esercita la propria attività clinica come Specialista Ambulatoriale.

Letture consigliate

L'epidemia di COIVD-19 rischia di fare di più.

Dopo l'attacco terroristico del 2001 sono cambiate le regole per i viaggi aerei. L'epidemia di COIVD-19 rischia di fare di piu'. Ma ce ne faremo una ragione e supereremo anche questa

Da leggere

Basta ansia sul numero dei contagiati. Stiamo aprendo le scuole in sicurezza.

Domande semplici e sensate non votate al sensazionalismo e risposte pacate, distinguendo i dati dalle ipotesi, peraltro tutte ragionevoli. Un bell'esempio di giornalismo e di divulgazione scientifica.

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image