Pubblicato il 13/04/15

Il progetto Eupati: informare i pazienti per averli alleati nella ricerca di nuovi farmaci.

La nota di oggi sembra fatta apposta per soddisfare la “missione” di 500WORDS: divulgare informazioni biomediche per rendere più consapevoli i non addetti ai lavori. In questo caso, si tratta addirittura di informare e formare i pazienti per averli come alleati nella ricerca di farmaci innovativi. Ci riferiamo al progetto EUPATI (European Patients’ Academy on Therapeutic Innovation) (http://www.nature.com/nm/journal/v21/n3/full/nm0315-209.html), che mira a fornire informazioni sulla ricerca di nuovi farmaci a persone malate che potrebbero beneficiarne. Con l’obiettivo finale di coinvolgerle pienamente nei processi di sviluppo del nuovo farmaco, collaborando o con le industrie farmaceutiche o con le agenzie regolatorie (AIFA, EMA, etc.) o fungendo da supporto per altri pazienti affetti dalla loro stessa malattia. (vt)
Il Progetto European Patients’ Academy on Therapeutic Innovation (EUPATI) nasce da un’iniziativa dell’IMI (Innovative Medicines Initiative) che ha l’intento di offrire ai pazienti e/o ai loro familiari un’opportunità unica di formazione certificata in materia di Ricerca e Sviluppo (R&D) di terapie innovative. Lo scopo di EUPATI è di sviluppare e disseminare informazioni obiettive, credibili, corrette ed aggiornate sul complesso meccanismo della Ricerca e Sviluppo dei farmaci. EUPATI aumenterà le capacità e le competenze dei pazienti per prepararli a diventare collaboratori e consulenti, ad esempio nell’ambito dei trials clinici, delle autorità regolatorie e nei comitati etici.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Filippo Buccella

    Filippo Buccella è un farmacista e genitore di un ragazzo Duchenne. Nel 1996 ha fondato Parent Project Onlus, l’associazione che riunisce i genitori con figli affetti da Distrofia Muscolare Duchenne e Becker. Dal 2012 è chairman dell'EUPATI National Liaison Team italiano.

  • Moreno Busolin

    Moreno Busolin è Dirigente di azienda - Trent’anni di esperienza nelle Vendite, Marketing e General Management nel settore dei medical devices. Dal 2013 fa parte del National Liaison Team di EUPATI per la promozione del progetto in Italia.

  • Dominique Van Doorne

    Dominique Van Doorne è endocrinologa, libero professionista. Dal 2006 è segretaria del comitato scientifico dell’ATTA-Lazio ONLUS (Associazione di Pazienti con Tumore della Tiroide ed Affini); dal 2008 è referente AME (Associazione Medici Endocrinologi) per le Associazioni di Pazienti. Dal 2013 collabora per il sito Endowiki. Dal 2015 è responsabile AME per la iodoprofilassi. Dal 2013 fa parte del National Liaison Team di EUPATI per la promozione del progetto in Italia.

Letture consigliate

E DUE: LA SCIENZA CONTINUA A BACCHETTARE TRUMP E STAVOLTA CI AGGIUNGE PURE JOHNSON. CAPIRANNO?

Un altro scienziato di rinomanza internazionale, che dirige Nature forse la rivista scientifica più prestigiosa al mondo, attacca i due energumeni che purtroppo sono alla testa di due grandi Paesi e gli scienziati loro consulenti per come stanno gestendo l’emergenza del corona virus e più in generale per il loro rapporto con la scienza. Anche questo imperdibile! (vt).

Da leggere

LA SCIENZA SI RIBELLA ALLE PAGLIACCIATE DI TRUMP E...NON GLIELE MANDA A DIRE!

Uno scienziato di rinomanza internazionale, che dirige una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, dice qualcosa che potrebbe tradursi con "mo’ basta, Mr. President!". In realtà fa di più perché gli ricorda che tre anni fa era antivaccinista (!) e adesso se la prende con la scienza perché… non riesce a produrre un vaccino nel giro di pochi mesi. E chiude chiedendo all’energumeno un “favore”: di trattare con rispetto la scienza e i suoi principi! Imperdibile, garantisco (vt).

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image