Diabetici (e diabetologi), non lasciatevi influenzare!

Introduzione

La pandemia di COVID-19 ha messo in luce la nostra vulnerabilità nei confronti delle malattie infettive, riaccendendo l’interesse per le misure di prevenzione. Tra i problemi affrontati in questo periodo, c’è il fatto che i sintomi provocati dalla COVID-19 sono spesso sovrapponibili a quelli della comune influenza, anch’essa causata da virus, cosa che può rendere difficile una tempestiva distinzione tra le due patologie: per questo il Ministero della Salute ha ampliato il complesso dei soggetti aventi diritto alla somministrazione gratuita del vaccino anti-influenzale per il prossimo inverno: la soglia di età è stata ridotta da 65 a 60 anni, il vaccino è però raccomandato a tutta la popolazione a rischio, indipendentemente dall’età, oltreché agli operatori sanitari.
 
 

 

 

Ma che cosa s’intende per rischio e chi sono i soggetti a rischio? Il rischio è un danno potenziale che ha una certa probabilità di verificarsi, pertanto tutte le persone affette da patologie croniche, come il diabete mellito, rientrano in questa categoria. È importante poi sottolineare che la probabilità non è un’idea generica, ma può essere misurata. Il diabete, infatti, aumenta di circa due volte il rischio di sviluppare complicanze cardiovascolari; inoltre raddoppia quello di contrarre infezioni, il cui decorso può essere più lungo o grave. La situazione, ovviamente, si può complicare se i fattori di rischio si sommano: i pazienti già cardiopatici hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente di influenza e questa, a sua volta, aumenta la mortalità. Al contrario, la vaccinazione antiinfluenzale riduce il rischio di morte almeno del 15-20%.

Ecco perché è importante vaccinarsi. Il vaccino antiinfluenzale, nella maggior parte dei casi, contiene componenti virali (virus inattivato) grazie ai quali il sistema immunitario può riconoscere e memorizzare una strategia di difesa (immunizzazione). Purtroppo, i virus influenzali cambiano spesso il loro “vestito” (antigeni di superficie), perciò occorre ripetere annualmente la vaccinazione per aggiornare le nostre difese secondo le “tendenze” del prossimo autunno-inverno. Questo è possibile grazie al continuo lavoro di sorveglianza sui ceppi virali circolanti, coordinato da organizzazioni internazionali (OMS, Centri per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie…). Il periodo migliore per vaccinarsi, nel nostro emisfero, inizia nella seconda metà di ottobre.

È importante infine sapere che i vaccini antiinfluenzali sono utilizzati con beneficio da molti anni e sono soggetti a un’attenta farmacovigilanza che ne garantisce la sicurezza. Inoltre, presentano pochissime controindicazioni: possono vaccinarsi anche bambini e donne in gravidanza. Per informarsi correttamente è opportuno rivolgersi al proprio medico curante ed a fonti affidabili, come i siti web istituzionali (Epicentro, VaccinarSì, IoVaccino…). Purtroppo, nonostante l’indiscussa rilevanza dei vaccini quali strumento di prevenzione, la proporzione di vaccinati (copertura vaccinale) contro l’influenza nella popolazione italiana (16%) e nei soggetti ultrasessantacinquenni o fragili (53%) è sempre stata inferiore agli obiettivi minimi (75%). Tra le persone con diabete, poi, soltanto il 30% è solito vaccinarsi contro l’influenza. Pazienti e curanti dovrebbero ricordarsi che essere “adulti e vaccinati” è un diritto e un dovere: prepariamoci dunque ad indossare le protezioni… vaccino antinfluenzale incluso!

Autore: Marina Valenzano

Marina Valenzano è medico specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo. Attiva particolarmente nell’ambito delle tecnologie per la cura del diabete mellito, attualmente collabora su progetti di ricerca ed assistenziali con il servizio di Endocrinologia, Diabetologia e Malattie del Metabolismo ed il Dipartimento di Scienze Mediche presso la Città della Salute e della Scienza di Torino.


Discussioni

comments powered by Disqus

Letture consigliate

Covid-19 La catastrofe di Richard Horton – Il Pensiero Scientifico Editore

Richard Horton, storico Editor capo di Lancet, fa un'analisi spietata di come il Regno Unito ma anche gli altri paesi d'Europa (per non parlare di gran parte del resto del mondo) fossero del tutto impreparati ad una pandemia più volte annunciata. Scritto subito dopo la prima ondata, il libro ha come sottotitolo "come evitare che si ripeta" ed i fatti degli ultimi due mesi dimostrano che non è stato letto abbastanza. Da leggere

Imperfezione di Telmo Pievani – Raffello Cortina Editore

La nascita dell'Universo si deve ad un piccolo errore nel vuoto quantistico. Ma anche l'evoluzione della nostra specie deriva da errori, da imperfezioni a cui la natura si adegua per non soccombere. Un saggio da grande divulgatore che in certi passaggi diventa coinvolgente come un romanzo che "ti prende".

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image