I ricercatori si muovono a favore della ricerca biomedica in Italia.

Il 29 e 30 Novembre presso il centro congressi dell’Università cattolica del Sacro Cuore di Roma si è tenuto il primo incontro de “La Tempesta di Cervelli”, organizzato da Samanta Mariani, Luca Cassetta e Chiara Bertolaso. L'incontro aveva come scopo riunire ricercatori biomedici e medici al fine di stimolare un dibattito sulle problematiche della ricerca e sanità in Italia, e proporre nuove strategie per Ricerca e Sanità in Italia. Presenti all'incontro circa 60 partecipanti con diversi profili accademici: dal neo-laureato al professore ordinario, tutti accomunati dalle preoccupanti situazioni dell’università e della ricerca Italiana.

Durante l'incontro si è parlato degli investimenti Italiani in ricerca che corrispondono al 1,25% del PIL, contro il target EU 2020 che è del 3%. Alla scarsità dei fondi si unisce la cattiva gestione delle risorse monetarie ed umane, una delle principali cause dell'emigrazione di massa di laureati e ricercatori verso l'estero. Questo fenomeno determina una perdita enorme in termini di capitale umano ed economico, perché gli investimenti nella formazione di future generazioni di ricercatori non contribuiscono a portare ricchezza e benessere nel nostro paese, ma in altri Stati.

Per fronteggiare il problema sono stati istituiti degli incentivi, come il programma Montalcini che punta ad offrire un contratto da ricercatore a tempo determinato per 3 anni ma senza chiare garanzie di stabilità professionale o fondi di ricerca,: infatti il 50% dei vincitori rinuncia a questo tipo di finanziamento. Questo fenomeno evidenzia che per controvertere lo stato attuale di Ricerca e Sanitá in Italia non bastano maggiori investimenti economici ma un cambio radicale di mentalità. La Tempesta di Cervelli non è stata un’occasione per lamentarsi della situazione italiana ma soprattutto un momento d'incontro per ragionare su possibili soluzioni ed avanzare diverse proposte programmatiche, tra cui: la valorizzazione della figura dei Dottori di ricerca; possibili revisioni del sistema universitario “3+2”; proposte di adeguamento qualitativo a standard internazionali sia per i corsi di laurea che per quelli di Dottorato, al fine di formare ricercatori competitivi a livello internazionale.

È emersa la necessità di una maggiore mobilità formativa a livello internazionale per ricercatori e medici, la necessità di migliorare la pianificazione, gestione e sviluppo delle infrastrutture e la condizione socio-economica dei ricercatori, potenziare i percorsi e le opportunità lavorative post-dottorato, ed infine colmare la distanza tra ricercatori e medici, per esempio istituendo un percorso di ricerca per i medici nell'ambito della loro formazione.La rinuncia alla cultura, e quindi alla ricerca, determina la generazione di uno stato ignorante con cittadini più malleabili, ma più esposti e intellettualmente indifesi, meno preparati a far valere le proprie ragioni, meno capaci di argomentare le proprie scelte. I partecipanti alla Tempesta di Cervelli, molti dei quali risiedono all’estero, hanno espresso il loro dissenso per questo stato dei fatti ed avanzato proposte per promuoverne un miglioramento della Sanità e dell'Università promosso da chi fa ricerca ogni giorno, da chi ama l’Italia e vuole rivederla sulla cresta dell’onda. Noi ci crediamo, e voi??

Autore: Teresita Gravina

Teresita Gravina è laureata in Geologia e in Scienze e Tecnologie per l'Ambiente ed il Territorio e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra. Attualmente è docente a contratto di Geologia Ambientale presso l'Università Telematica Guglielmo Marconi. E’ ideatrice e curatrice di “Sustainability” (http://www.sunability.unina2.it), progetto di divulgazione scientifica delle ricerche svolte presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali, Biologiche e Farmaceutiche (DISTABIF) della seconda Università di Napoli.


Discussioni

comments powered by Disqus

Letture consigliate

Come la pandemia modellera' il futuro prossimo

Un'intervista di Chris Anderson, creatore della versione attuale delle TED talks, a Bill Gates sul COVID-19, sui suoi riflessi sociali ed economici ma anche sull'importanza della distribuzione della ricchezza nel mondo. Quaranta minuti d'intelligenza rigorosa, consapevolezza delle proprie responsabilità e visione ottimisticamente equilibrata del futuro.

Da leggere

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image