La Medicina difensiva: un potenziale rischio per il paziente e per l’intero sistema sanitario

Introduzione

 
 

Per comprendere che cosa sia la “medicina difensiva” occorre partire da un presupposto: dovere del medico è quello di proporre al paziente tutte e solo quelle terapie che - secondo la propria migliore scienza e coscienza - sono le più appropriate. Nel caso siano possibili diverse alternative, è altresì dovere del medico - soprattutto quando le conseguenze sono potenzialmente molto diverse - spiegare chiaramente al paziente, in un colloquio approfondito e non soltanto “cartaceo”, vantaggi e svantaggi di ciascuna. Si ha invece medicina difensiva quando le scelte, proposte o spiegazioni del medico sono influenzate in modo significativo dalla preoccupazione di evitare o di rendere meno probabili contenziosi legali futuri e in parte anche da quella di venire incontro ad insistenze del paziente, per quanto ingiustificate.

 

Un primo esempio riguarda le situazioni di “over-prescription”: farmaci, esami di laboratorio, ricoveri prescritti in eccesso. Secondo le stime del Ministero della Salute, l’eccesso di prescrizione incide per circa il 10% (10 miliardi/anno) sulla spesa sanitaria (http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_1994_listaFile_itemName_0_file.pdf). Inoltre, assai raramente farmaci e ricoveri sono privi di rischi (effetti collaterali per i primi, infezioni per i secondi). Anche molti esami invasivi possono provocare incidenti di percorso. Eppure spesso i sanitari ritengono che l’eccesso di prescrizione sia legalmente meno pericoloso dell’accusa di essere rimasti inerti.

Un secondo esempio riguarda i casi di pazienti che hanno di fronte a sé diverse alternative terapeutiche. Un paziente con un tumore alla prostata non particolarmente aggressivo può decidere fra l’intervento chirurgico e la sorveglianza attiva. La prima scelta riduce leggermente il rischio di aggravamento oncologico, ma comporta un ineliminabile e non irrilevante rischio di danno funzionale. Poiché il rischio connesso all’intervento è riconosciuto e non eliminabile (e perciò non tale da causare una “coda” legale), il medico può essere portato a privilegiare la proposta di intervento chirurgico, anche a costo di evitare una spiegazione chiara e trasparente dei rischi funzionali dell’intervento (limitandosi a quanto scritto nei moduli di consenso informato). Se a ciò aggiungiamo che alcune strutture sanitarie propendono ad elevare, piuttosto che ad abbassare, il numero degli interventi chirurgici, vediamo che il rischio è di eccessivo interventismo è concreto.

Considerazioni simili possono essere effettuate per la strategia chirurgica verso il tumore al seno. Altrettanto può dirsi per la scelta fra parto naturale e parto cesareo: i rischi del primo sono più suscettibili di strascichi legali (“perché non mi ha fatto il cesareo?”) e portano troppo spesso a preferire l’intervento, nonostante le controindicazioni di vario tipo che esso comporta.

Che cosa si può fare per arginare la medicina difensiva? In questi anni si è scelta la strada di alcuni interventi legislativi (troppo spesso riformulati) volti a meglio regolare la responsabilità medica. Ciò può essere utile, ma ritengo che le tre strategie migliori consistano in:

  • Una migliore formazione sul metodo scientifico di giudici e avvocati.

  • L’introduzione di criteri di selezione elevati per la scelta dei periti e consulenti tecnici dei giudici.

  • Una formazione generale della società – a partire dalla scuola - sui criteri di analisi, valutazione e gestione dei rischi che ci circondano.

Autore: Luciano Butti

Luciano Butti, avvocato, insegna diritto internazionale dell'ambiente all'Università di Padova. In passato è stato magistrato per 13 anni e, nel 2007, Visiting Scholar presso l'Università di Cambridge e il Clare Hall College. Si occupa da sempre dei legami fra diritto, scienza e nuove tecnologie, tanto in pubblicazioni accademiche che nella divulgazione.Ritiene che, sempre nel rispetto dei diversi ruoli, occorra 'più scienza' nelle decisioni dei giudici e della politica.

Letture consigliate

IL GREEN PASS E' LIBERTICIDA? UNA DIFESA LIBERALE DEL CERTIFICATO VACCINALE

La proposta del green pass è legittima e pienamente difendibile anche da una prospettiva liberale. Cioè non soltanto appellandosi a un superiore interesse collettivo, ma facendo riferimento alla libertà individuale

Da leggere

Covid-19 La catastrofe di Richard Horton – Il Pensiero Scientifico Editore

Richard Horton, storico Editor capo di Lancet, fa un'analisi spietata di come il Regno Unito ma anche gli altri paesi d'Europa (per non parlare di gran parte del resto del mondo) fossero del tutto impreparati ad una pandemia più volte annunciata. Scritto subito dopo la prima ondata, il libro ha come sottotitolo "come evitare che si ripeta" ed i fatti degli ultimi due mesi dimostrano che non è stato letto abbastanza. Da leggere



© 2021 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image