Pubblicato il 29/02/16

Capirne di scienza e' un imperativo per societa' evolute.

Su come la scienza, tutta la scienza, possa svolgere un ruolo determinante per lo sviluppo di una società evoluta, libera e giusta abbiamo già detto (http://www.fivehundredwords.it/post/it-lapproccio-scientifico-importante-per-una-societ-moderna-e-democratica). Ma “repetita iuvant”, soprattutto nel nostro Belpaese dove le notizie di scarsa attenzione alla scienza sono, ahinoi, all’ordine del giorno. (vt)
“Abbiamo messo in piedi una civiltà globale i cui elementi cruciali dipendono profondamente dalla scienza e dalla tecnologia. Abbiamo anche lasciato andare le cose in modo che quasi nessuno capisca la scienza e la tecnologia. Questa è una ricetta per il disastro. Possiamo farla franca per un po’, ma prima o poi questa miscela combustibile di ignoranza e potere ci scoppierà in faccia”. Sono parole di Carl Sagan, astronomo e grande divulgatore scientifico americano, scomparso nel 1996.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Amedeo Balbi
    Amedeo Balbi, astrofisico, insegna all’Università di Roma Tor Vergata. I suoi studi spaziano dall’origine dell’universo, al problema della materia e dell’energia oscure, alla ricerca di vita nel cosmo. Molto attivo anche sul fronte della divulgazione scientifica, scrive tra gli altri per Le Scienze, Repubblica, La Stampa, Wired, Il Post.  È autore di diversi libri, l’ultimo dei quali è «Cercatori di meraviglia» (Rizzoli), vincitore del Premio nazionale di divulgazione scientifica 2015.

Letture consigliate

Come la pandemia modellera' il futuro prossimo

Un'intervista di Chris Anderson, creatore della versione attuale delle TED talks, a Bill Gates sul COVID-19, sui suoi riflessi sociali ed economici ma anche sull'importanza della distribuzione della ricchezza nel mondo. Quaranta minuti d'intelligenza rigorosa, consapevolezza delle proprie responsabilità e visione ottimisticamente equilibrata del futuro.

Da leggere

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image