Pubblicato il 01/06/20

Diseguaglianza e salute

Le diseguaglianze sono odiose sempre, in qualunque campo della nostra vita ma in alcuni ambiti lo sono ancora di più come, per esempio, quando incidono sul diritto alla salute. Ne abbiamo già parlato qualche anno addietro http://www.fivehundredwords.it/argument/it-la-salute-diseguale-la-sfida-di-un-mondo-ingiusto. Ci torniamo grazie ad una recente analisi delle diseguaglianze nel continente americano e perché le diseguaglianze sono esplose durante la crisi del COVID-19. (vt)
Un recente report https://iris.paho.org/handle/10665.2/51571, coordinato dal noto epidemiologo Michael Marmot, descrive che l’aspettativa di vita nei vari paesi americani aumenta linearmente con la media nazionale del reddito annuo solo per valori al di sotto dei 10mila dollari (si tratta del reddito corretto per il potere d’acquisto - RPA - così da renderlo paragonabile anche tra nazioni ricche e povere). La correlazione tra RPA ed aspettativa di vita tende ad appiattirsi tra i 10 ed i 40mila dollari e cessa di esistere al di sopra di questa cifra.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Vincenzo Trischitta

    Vincenzo Trischitta insegna Endocrinologia all’Università Sapienza di Roma e dirige un gruppo di ricerca sulla genetica del diabete e delle complicanze cardiovascolari presso l’Istituto Scientifico Casa Sollievo della Sofferenza tra Roma e San Giovanni Rotondo.

    Attribuisce agli scienziati il dovere della divulgazione e della informazione per una società più consapevole e più libera.

Letture consigliate

Come la pandemia modellera' il futuro prossimo

Un'intervista di Chris Anderson, creatore della versione attuale delle TED talks, a Bill Gates sul COVID-19, sui suoi riflessi sociali ed economici ma anche sull'importanza della distribuzione della ricchezza nel mondo. Quaranta minuti d'intelligenza rigorosa, consapevolezza delle proprie responsabilità e visione ottimisticamente equilibrata del futuro.

Da leggere

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image