Pubblicato il 23/12/13

Forza scienziati, fatevi sentire!

Serve un Nuovo Rinascimento per riqualificare l’idea di società e di convivenza fra individui e popoli diversi. Ma è indispensabile che in questa ristrutturazione delle nostre forme di organizzazione sociale e politica, accanto all’arte, alla cultura umanistica, all’economia, alla filosofia, sia coinvolta anche la scienza. In questa visione di futuro, il ruolo della conoscenza scientifica diventa centrale e con essa la sua divulgazione. Gli scienziati devono farsi carico di questa responsabilità. (vt)
"La scienza … genera pura conoscenza … che continuamente rimodella il nostro pensare”. Lo afferma John Sulston, Nobel per la Medicina nel 2002. Pura conoscenza, quindi, che soddisfa il nostro indispensabile bisogno di porci domande su ciò che ci circonda. Per rimanere alla biomedicina, le nuove acquisizioni pongono quesiti etici e politici inimmaginabili solo pochi anni addietro. Come si è concepiti, si nasce, si vive, ci si cura, si muore. Insomma, tutta la vita di un individuo è attraversata da aspetti biomedici.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Vincenzo Trischitta

    Vincenzo Trischitta insegna Endocrinologia all’Università Sapienza di Roma e dirige un gruppo di ricerca sulla genetica del diabete e delle complicanze cardiovascolari presso l’Istituto Scientifico Casa Sollievo della Sofferenza tra Roma e San Giovanni Rotondo.

    Attribuisce agli scienziati il dovere della divulgazione e della informazione per una società più consapevole e più libera.

Letture consigliate

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere

Informarsi bene, più che informarsi tanto

Non facile in questo rumore di fondo causato da un numero smisurato di informazioni non sempre ottimali e spesso “gridate”. Ne consegue una grave infodemia (dal vocabolario Treccani “circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti affidabili”). Ed ecco il report su COVID-19 dell’Accademia dei Lincei, preciso ed essenziale.

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image