Pubblicato il 23/03/20

Il finanziamento della ricerca scientifica sulle malattie virali in Italia – Impariamo dal COVID-19 per un futuro migliore

Si legge della speranza che questa negativa esperienza della COVID-19 possa farci riflettere così da rimediare ad errori precedenti sulle priorità da dare alla nostra organizzazione sociale. Da ottimista patologico (non è mia!), credo possa essere vero. Una delle priorità che il nostro Paese non si è mai dato è un adeguato investimento sulla ricerca scientifica. La nota di oggi fa il punto sulla ricerca nel campo delle malattie virali che ha sofferto particolarmente del problema ma le raccomandazioni e gli auspici possono essere estesi a tutti i settori della ricerca scientifica che, incredibilmente, è stata poco finanziata. (vt)
In tempo ‘di pace’, lontani dall’emergenza di queste settimane, non avevamo predisposto un adeguato piano di risposta sul territorio nazionale ad un’epidemia con le caratteristiche della COVID-19 (coronavirus disease-2019). Tuttavia, ricordiamoci che il “paziente 1” di Codogno fu annunciato il 21 febbraio e che fino al giorno prima c’erano solo i tre casi ricoverati allo Spallanzani di Roma. La speranza è che una volta fuori dall’emergenza impareremo la lezione in previsione di possibili, forse probabili, epidemie future. Il virus (SARS-CoV-2) è simile, ma non uguale al virus della SARS; serve tempo per conoscerlo meglio e l’unico modo per farlo è finanziando la ricerca.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Guido Poli
    Guido Poli è Professore Ordinario di Patologia Generale presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Ha cominciato a fare ricerca su HIV/AIDS nel 1983 presso l’Istituto “Mario Negri” di Milano. Dal 1986 al 1993 ha lavorato a Bethesda (USA) al National Institute of Allergy and Infectious Diseases diretto da Anthony S. Fauci, leader mondiale nella lotta alle malattie infettive. Nel 1994 fonda, insieme ad Elisa Vicenzi, l’Unità d’Immunopatogenesi dell’AIDS all’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano dove tutt’ora entrambi lavorano.

Letture consigliate

E DUE: LA SCIENZA CONTINUA A BACCHETTARE TRUMP E STAVOLTA CI AGGIUNGE PURE JOHNSON. CAPIRANNO?

Un altro scienziato di rinomanza internazionale, che dirige Nature forse la rivista scientifica più prestigiosa al mondo, attacca i due energumeni che purtroppo sono alla testa di due grandi Paesi e gli scienziati loro consulenti per come stanno gestendo l’emergenza del corona virus e più in generale per il loro rapporto con la scienza. Anche questo imperdibile! (vt).

Da leggere

LA SCIENZA SI RIBELLA ALLE PAGLIACCIATE DI TRUMP E...NON GLIELE MANDA A DIRE!

Uno scienziato di rinomanza internazionale, che dirige una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, dice qualcosa che potrebbe tradursi con "mo’ basta, Mr. President!". In realtà fa di più perché gli ricorda che tre anni fa era antivaccinista (!) e adesso se la prende con la scienza perché… non riesce a produrre un vaccino nel giro di pochi mesi. E chiude chiedendo all’energumeno un “favore”: di trattare con rispetto la scienza e i suoi principi! Imperdibile, garantisco (vt).

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image