Pubblicato il 03/03/14

Incontri ravvicinati del terzo tipo tra…Scienza e Politica

Lo scorso 10 dicembre si è svolto a Palazzo Madama un incontro su scienza, innovazione e salute, con l’obiettivo di avvicinare la classe politica agli scienziati. Il mondo della politica e quello della scienza, purtroppo, si frequentano poco ma adesso che Elena Cattaneo, una scienziata, siede in Senato, sarà più facile cercare di farli dialogare. Qui riportiamo una sintesi dell’intervento di Giuseppe Remuzzi, dell'Istituto Mario Negri di Bergamo, che accenna alla storia della medicina in Italia dai fasti passati alle difficoltà odierne. Che funga d’auspicio per tornare agli splendori dei tempi che furono e che aiuti anche a scrollarsi di dosso una certa patina di provincialismo e di complesso d’inferiorità che troppo spesso ci affligge. (vt)
Sembra impossibile, ma gli Inglesi che di biologia e medicina sono maestri, la medicina l’hanno imparata da noi. Fa una certa impressione leggere nel «Lancet» del 1861 che «il debito dell'Inghilterra verso l'Italia è incalcolabile». Poi però si è perso tutto. In occasione della morte di Cavour, il Lancet, il New England Journal of Medicine e il British Medical Journal espressero sdegno e sorpresa per com’era stato mal curato un uomo reputato, dal mondo anglosassone, un eroe della libertà, dall'intelletto sagace, che sapeva di scienza e ne capiva il valore.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Giuseppe Remuzzi
    Giuseppe Remuzzi è Direttore del Dipartimento di Medicina degli Ospedali Riuniti di Bergamo e coordina le attività di ricerca delle sedi di Bergamo dell’Istituto Mario Negri e del Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare. E’ membro del “Gruppo 2003” che annovera gli scienziati italiani più citati dalla letteratura scientifica ed ha ricevuto nel 2007 il “John P. Peters Award”, il più prestigioso premio nel campo della nefrologia internazionale. E’ Commendatore della Repubblica per meriti scientifici ed editorialista del Corriere della Sera.

Letture consigliate

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere

Informarsi bene, più che informarsi tanto

Non facile in questo rumore di fondo causato da un numero smisurato di informazioni non sempre ottimali e spesso “gridate”. Ne consegue una grave infodemia (dal vocabolario Treccani “circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti affidabili”). Ed ecco il report su COVID-19 dell’Accademia dei Lincei, preciso ed essenziale.

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image