Pubblicato il 18/06/20

Lettera ai ricercatori in epoca di COVID-19

C’è stata una gran confusione sul COVD-19 e forse non poteva essere altrimenti. Nessuno era preparato a un’evenienza del genere e commettere errori nel prevedere l’evoluzione della malattia, nel dare consigli nel trovare rimedi era inevitabile. Però, poiché dagli errori s’impara, adesso è importante che di questi errori si parli, altrimenti restano inutili. La nota di oggi è un rimprovero costruttivo e pacato a molti clinici e ricercatori, a come si sono offerti ai media a come si sono confrontati con idee diverse. Speriamo che serva a far meglio la prossima volta. (vt)
Caro clinico, caro ricercatore, ti ringrazio per ciò che hai fatto per noi. Per le ore, giorni e notti in reparto cercando di salvare ogni vita, per quelli in laboratorio sperando di trovare evidenze che potessero spiegare, per quelli passati davanti al computer costruendo modelli per capire. Sapendo che ogni spiegazione avrebbe potuto essere diversa il giorno dopo. Senza di voi sarebbero morte ben più delle oltre 34 mila persone che piangiamo. Lo sforzo che avete fatto è immane. Lo so. Ne ho uno di voi accanto. Ho vissuto questa pandemia con gli occhi del paziente fragile, quale sono, e con quelli del medico e del ricercatore impegnato a sconfiggerla.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Francesca Ulivi
    Giornalista professionista, Direttore Generale e Comunicazione della Fondazione Italiana Diabete (www.fondazionediabete.org) e Chief Communication Officer di #iamhere, network internazionale che combatte “hate speech” e “fake news” sui social nel mondo. È stata Direttore Responsabile dei telegiornali di Mtv, Paramount Channel e Spike Channel ed ha lavorato in MEDIASET, Rai, Tele+, ANSA. Ha vinto numerosi premi per il giornalismo televisivo e per la Corporate Social Responsibility, tra cui, nel 2011 il Premio Ilaria Alpi per un reportage sulla rivoluzione in Libia.

Letture consigliate

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image