Pubblicato il 09/06/14

Prendiamoci cura dell’aggiornamento professionalmente di chi…ci cura!

Abbiamo già discusso (http://www.fivehundredwords.it/argument/it-aggiornamento-obbligatorio-dei-medici-molti-benefici-e-qualche-rischio) degli aspetti positivi e delle criticità dell’educazione continua in medicina (ECM), attività di aggiornamento a cui sono sottoposti tutti gli operatori sanitari (medici, biologi, infermieri, tecnici, etc). Ma tornarci può essere utile, soprattutto a ridosso di notizie di cronaca che se non fossero preoccupanti sarebbero esilaranti. Ci riferiamo, ovviamente, al corso di bridge organizzato dall’Ordine dei Medici di Palermo come attività…..ECM! A prescindere da questi casi estremi, l’impressione reiterata è che gli ordini professionali, le società scientifiche, gli ospedali, ed in generale tutte le Istituzioni che sono autorizzate ad organizzare i corsi ECM, potrebbero fare molto facilmente molto di più; non solo da un punto di vista organizzativo (format più didattici) ma anche e soprattutto offrendo una formazione veramente indipendente da interessi commerciali che, anche quando legittimi, non necessariamente coincidono con quelli generali. Tanto per fare alcuni esempi, ma i componenti dei consigli direttivi degli Ordini Professionali o delle Società Scientifiche che organizzano ECM dichiarano eventuali rapporti professionali con le industrie farmaceutiche nel momento del loro insediamento? Ma l’AGENAS (agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), che dal 1° gennaio 2008 ha in carico la gestione amministrativa del programma di ECM e il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua, non pensa di dover aggiornare i requisiti minimi di trasparenza che diano maggiore credibilità a tutto il programma ECM? (vt)
L’educazione continua del personale sanitario è una questione molto importante ma se ne parla troppo poco. Quasi per niente. L’argomento è tornato di attualità recentemente dopo che un programma televisivo – Le iene – si è interessato al corso Bridge, sport della mente organizzato presso la sede dell’Ordine dei medici e chirurghi della Provincia di Palermo. Dopo qualche polemica, il corso è stato annullato dall’istituzione stessa prima di qualsiasi intervento da parte di Agenas, ma nonostante il presidente dell’Ordine, Salvatore Amato, ne abbia comunque difeso il razionale formativo, supportato da “una abbondante letteratura medica che dimostra significativi benefici nel miglioramento di numerose patologie neurodegenerative e immunitarie”.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Luca De Fiore
    Luca De Fiore è direttore del Pensiero Scientifico Editore dal 1992. Nel 2000 ha contribuito a fondare la web agency Think2it che si occupa di comunicazione multimediale sulla salute e sulla medicina. E' stato presidente della Associazione Alessandro Liberati - Network Italiano Cochrane, che si interessa di promozione della medicina basata sulle evidenze e di coordinamento delle attività della Cochrane Collaboration in Italia. Cura il blog http://dottprof.com e dirige la rivista mensile indicizzata Recenti progressi in medicina (www.recentiprogressi.it).

Letture consigliate

Il virus buono
Di Guido Silvestri - Rizzoli (2019)

Si parla di scienza in generale e non solo di virus. E si parla anche della vita di un uomo che, certo, è uno scienziato, ma non solo. E qui e lì compaiono le vite di altri uomini, pazienti, medici, ricercatori. Storie interessanti e ben descritte che hanno riempito piacevolmente buona parte di un lungo viaggio di trasferimento. (vt)

Da leggere

Dottor web & mister truffa: come internet ti ruba salute e soldi
Di Gerardo D'Amico - Amazon (2019)

Le bufale, i ciarlatani, i creduloni e il ruolo del WEB male utilizzato. C’è un mondo incredibile e terribile dentro il libro di un giornalista che ha fatto della lotta alla cattiva scienza biomedica il proprio tratto distintivo. Non le manda a dire il nostro ma lo fa con leggerezza, così come si fanno le cose serie. (vt)

Da leggere



© 2019 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image