Pubblicato il 18/08/21

Rischi ambientali reali e percepiti. Il fenomeno "NIMBY" (not in my backyard)

I cambiamenti climatici rappresentano un serio rischio per il nostro pianeta e l’intera umanità e, come spesso capita quando di mezzo ci sono la salute o altri diritti fondamentali, il fenomeno è caratterizzato da gravi diseguaglianze. Infatti, non solo il 10% più ricco inquina quanto tutto il resto del mondo (mentre la metà più povera inquina solo per il 7% del totale) ma poi…il danno oltre la beffa perché gli effetti negativi sulla salute si manifestano soprattutto nelle zone povere del pianeta. Insomma, il rischio per il nostro futuro è enorme ma non pare sufficientemente compreso e discusso. E quando anche se ne discute, sembra che pochi vogliano mettere in discussione le proprie politiche di sviluppo e di benessere, indipendentemente da come sia stato raggiunto e mantenuto. E' proprio così, nessuno vuole essere disturbato nel giardino di casa. (vt)
Viviamo immersi in un paradosso. Da un lato, il problema del clima mostra una crisi ambientale globale e potenzialmente drammatica per l’umanità. Dall’altro, essa riceve nelle opinioni pubbliche un’attenzione molto minore rispetto a problematiche trascurabili quando non inesistenti.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Luciano Butti
    Luciano Butti, avvocato, insegna diritto internazionale dell'ambiente all'Università di Padova. In passato è stato magistrato per 13 anni e, nel 2007, Visiting Scholar presso l'Università di Cambridge e il Clare Hall College. Si occupa da sempre dei legami fra diritto, scienza e nuove tecnologie, tanto in pubblicazioni accademiche che nella divulgazione.Ritiene che, sempre nel rispetto dei diversi ruoli, occorra 'più scienza' nelle decisioni dei giudici e della politica.
© 2022 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image