Pubblicato il 09/02/15

Un paio di facili rimedi per ridurre la spesa farmaceutica ma non la qualità di cura.

Le prossime due note saranno dedicate ai farmaci che assumiamo, quanto servono quanto ci costano e come il sistema sanitario nazionale è organizzato per vigilare sull’appropriatezza delle nostre cure in termini di efficacia, sicurezza e costi. (vt)
In Italia, nel 2012, la spesa sanitaria è stata di € 146 miliardi, pari al 9.2% del PIL, una percentuale più bassa di altri Paesi come Francia, Paesi Bassi, Svizzera e Germania, tutti con spese superiori all’11% del PIL, per non parlare degli USA che arrivano al 17%. E nonostante ciò, abbiamo uno dei migliori servizi sanitari al mondo e siamo uno dei Paesi con la popolazione più longeva; ci battono solo Giappone, Islanda, Spagna e Svizzera. Insomma, una volta tanto, c’è da essere orgogliosi ma si può fare di più e meglio, soprattutto in una fase di gravi difficoltà economiche come l’attuale.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Vincenzo Trischitta

    Vincenzo Trischitta insegna Endocrinologia all’Università Sapienza di Roma e dirige un gruppo di ricerca sulla genetica del diabete e delle complicanze cardiovascolari presso l’Istituto Scientifico Casa Sollievo della Sofferenza tra Roma e San Giovanni Rotondo.

    Attribuisce agli scienziati il dovere della divulgazione e della informazione per una società più consapevole e più libera.

Letture consigliate

Il virus buono
Di Guido Silvestri - Rizzoli (2019)

Si parla di scienza in generale e non solo di virus. E si parla anche della vita di un uomo che, certo, è uno scienziato, ma non solo. E qui e lì compaiono le vite di altri uomini, pazienti, medici, ricercatori. Storie interessanti e ben descritte che hanno riempito piacevolmente buona parte di un lungo viaggio di trasferimento. (vt)

Da leggere

Dottor web & mister truffa: come internet ti ruba salute e soldi
Di Gerardo D'Amico - Amazon (2019)

Le bufale, i ciarlatani, i creduloni e il ruolo del WEB male utilizzato. C’è un mondo incredibile e terribile dentro il libro di un giornalista che ha fatto della lotta alla cattiva scienza biomedica il proprio tratto distintivo. Non le manda a dire il nostro ma lo fa con leggerezza, così come si fanno le cose serie. (vt)

Da leggere



© 2019 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image