SALUTE DIGITALE. ATTENZIONE AL… SELVAGGIO WEB!

Nell’immaginario collettivo, le “medicine” sono tipicamente farmaci o, comunque, sostanze e procedure frutto della ricerca chimica, biologica o fisica. Anche la tecnologia, però, è “medicina”, poiché viene usata in vari modi nell’ambito sanitario. Si parla di “salute digitale” (eHealth) per indicare l’utilizzo di tecnologie dell’informazione e della comunicazione a supporto del servizio sanitario: gli strumenti digitali, infatti, possono rispondere ad esigenze ormai note e divenute particolarmente rilevanti durante la pandemia da COVID-19, come la necessità di garantire il distanziamento fisico, ma di consentire, nel contempo, accesso e continuità delle cure.

La tecnologia, però, non è soltanto “facilitatore”: può essere essa stessa terapia. Questo succede, ad esempio, quando un medico prescrive l’uso di un determinato dispositivo o software. Forme e scopi delle cure tecnologiche, ormai molteplici, sono descritti dall’Osservatorio delle Terapie Avanzate (https://www.osservatorioterapieavanzate.it/innovazioni-tecnologiche/terapie-digitali/terapie-digitali-la-digital-health-e-tra-noi-ma-che-cos-e), ma può ancora risultare difficile riconoscerle e sapere come sceglierle ed utilizzarle. Inoltre, il progresso tecnologico è veloce… certo più veloce degli enti regolatori, che dovrebbero dettare le norme e vigilare sul corretto impiego dei dispositivi, ma che spesso giungono in ritardo (https://www.osservatorioterapieavanzate.it/innovazioni-tecnologiche/terapie-digitali/terapie-digitali-ancora-poco-chiara-la-regolamentazione).

In sintesi, in fatto di terapie digitali rischiamo di trovarci non nel “selvaggio west”, ma nel… “selvaggio web”! Ed è importante non “restare feriti”.

Le persone affette da diabete mellito (specialmente da diabete tipo 1, insulino-dipendente, ma non solo) sono tra i principali utenti (e, si spera, beneficiari!) delle terapie digitali. La patologia cronica impone infatti il controllo ripetuto (a volte continuo!) di parametri clinici e numerosi accessi ai servizi sanitari, per svolgere esami o confrontarsi con il team di cura: entrambe le esigenze possono essere soddisfatte o facilitate dalla tecnologia. Numerose, benché non sempre sufficienti, sono state le iniziative di tele-medicina e tele-monitoraggio (cfr. http://www.fivehundredwords.it/post/it-telemedicina-la-medicina-a-casa-tua) attuate dai servizi di diabetologia e/o da singoli professionisti per mantenere i contatti con i pazienti durante la pandemia. In un futuro forse non troppo lontano l’intelligenza artificiale potrà aiutare anche a riorganizzare i percorsi di diagnosi e cura del diabete in modo più efficiente. In termini di dispositivi per la cura e di tecnologie “indossabili” (wearable), esiste già una vasta gamma di sensori per il monitoraggio glicemico, microinfusori di insulina e algoritmi associati per l’automazione e la personalizzazione della terapia. Si attendono inoltre le prime penne di insulina digitali, dotate di memoria per le dosi erogate e di connettività con altri dispositivi mobili. Infine, è in crescita l’offerta di applicazioni per smartphone e portali in rete, in grado di raccogliere, ordinare e condividere dati sanitari (come diari alimentari e valori glicemici) o di tracciare e promuovere atteggiamenti salutari (sessioni di allenamento, qualità del sonno…).

Sebbene molte di queste opzioni siano gratuite e facilmente reperibili dai pazienti, è importante tuttavia ricordare che esistono problematiche legate non solo alla tutela della privacy, ma anche e soprattutto all’efficacia e alla sicurezza dei dispositivi o software e, infine, alle diverse popolazioni per cui sono pensati. Prima di affidarsi ad una terapia tecnologica è quindi necessario informarsi bene e consultare un professionista competente… esattamente come prima di assumere un farmaco!

Autore: Marina Valenzano

Marina Valenzano è medico specialista in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo. Attiva particolarmente nell’ambito delle tecnologie per la cura del diabete mellito, attualmente collabora su progetti di ricerca ed assistenziali con il servizio di Endocrinologia, Diabetologia e Malattie del Metabolismo ed il Dipartimento di Scienze Mediche presso la Città della Salute e della Scienza di Torino.

Letture consigliate

IL GREEN PASS E' LIBERTICIDA? UNA DIFESA LIBERALE DEL CERTIFICATO VACCINALE

La proposta del green pass è legittima e pienamente difendibile anche da una prospettiva liberale. Cioè non soltanto appellandosi a un superiore interesse collettivo, ma facendo riferimento alla libertà individuale

Da leggere

Covid-19 La catastrofe di Richard Horton – Il Pensiero Scientifico Editore

Richard Horton, storico Editor capo di Lancet, fa un'analisi spietata di come il Regno Unito ma anche gli altri paesi d'Europa (per non parlare di gran parte del resto del mondo) fossero del tutto impreparati ad una pandemia più volte annunciata. Scritto subito dopo la prima ondata, il libro ha come sottotitolo "come evitare che si ripeta" ed i fatti degli ultimi due mesi dimostrano che non è stato letto abbastanza. Da leggere



© 2021 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image