Pubblicato il 25/03/20

COVID-19 e mancata protezione degli operatori sanitari: un boomerang letale

Li chiamiamo eroi, i nostri professionisti sanitari (medici, infermieri, farmacisti, etc.). Li applaudiamo dalle finestre, qualcuno li propone per il Nobel per la pace ma poi non siamo riusciti a proteggerli dal COVID-19. Nessuno si scorda che mancava l'esperienza per contrastare adeguatamente una valanga del genere ma si chiede che quanto accaduto insegni qualcosa per il futuro. La nota di oggi si riferisce soprattutto alla carenza dei dispositivi di protezione e all’esecuzione dei tamponi, ma si potrebbero aggiungere anche altre considerazioni sull’aiuto che in occasioni come queste si dovrebbe garantire ai professionisti sanitari, come supporto psicologico, alloggi temporanei, facilitazioni negli spostamenti e negli approvvigionamenti di beni di prima necessità, aiuto nella gestione di parenti malati o non indipendenti e tanto altro ancora. Ricordiamocelo per esser pronti per una prossima volta. (vt)
In Italia al 24 marzo 2020 5.760 professionisti sanitari avevano contratto un’infezione da coronavirus, pari all’8,3% del totale delle persone contagiate, una percentuale nettamente superiore alla in Cina (3,8%). I numeri dimostrano che paghiamo il prezzo dell’impreparazione organizzativa all’emergenza con assenza di raccomandazioni nazionali, carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI), mancata esecuzione sistematica dei tamponi agli operatori sanitari e, infine, mancata formazione dei professionisti sanitari e informazione alla popolazione.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Nino Cartabellotta

    Nino Cartabellotta (www.ninocartabellotta.it) è medico, specialista in medicina interna e gastroenterologia; si interessa di metodologia con competenze trasversali a tutte le professioni ed i livelli organizzativi del sistema sanitario. Fondatore nel 1996 del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze (www.gimbe.org), dal 2010 è presidente della Fondazione GIMBE. E’, inoltre, Direttore Responsabile di Evidence, rivista metodologica open access e Autore del blog “La sanità che vorrei”. 

Letture consigliate

E DUE: LA SCIENZA CONTINUA A BACCHETTARE TRUMP E STAVOLTA CI AGGIUNGE PURE JOHNSON. CAPIRANNO?

Un altro scienziato di rinomanza internazionale, che dirige Nature forse la rivista scientifica più prestigiosa al mondo, attacca i due energumeni che purtroppo sono alla testa di due grandi Paesi e gli scienziati loro consulenti per come stanno gestendo l’emergenza del corona virus e più in generale per il loro rapporto con la scienza. Anche questo imperdibile! (vt).

Da leggere

LA SCIENZA SI RIBELLA ALLE PAGLIACCIATE DI TRUMP E...NON GLIELE MANDA A DIRE!

Uno scienziato di rinomanza internazionale, che dirige una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, dice qualcosa che potrebbe tradursi con "mo’ basta, Mr. President!". In realtà fa di più perché gli ricorda che tre anni fa era antivaccinista (!) e adesso se la prende con la scienza perché… non riesce a produrre un vaccino nel giro di pochi mesi. E chiude chiedendo all’energumeno un “favore”: di trattare con rispetto la scienza e i suoi principi! Imperdibile, garantisco (vt).

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image