Pubblicato il 30/05/16

Saranno pubblici i compensi ai medici delle industrie farmaceutiche. Ma..davvero?

Il nostro è un Paese che non ha una bella storia coi conflitti d’interessi. Nel settore della sanità, questo rischio è stato finora gestito con un pressapochismo che si fa fatica ad immaginare casuale. Adesso si muove qualcosa e dovremmo finalmente poter sapere se il mio medico o il relatore che vado ad ascoltare ad un congresso prende soldi e da chi, così da poter meglio “interpretare” i suoi consigli, le sue affermazioni, le sue prese di posizione. Ma, in assenza di una specifica normativa di legge, i trucchi e gli escamotage perché ciò non accada possono essere tanti. Speriamo di sbagliarci. (vt)
In sanità il conflitto d’interessi (CI) è identificato come comportamento “sconveniente” rispetto al proprio ruolo professionale o istituzionale. In realtà, il CI è una condizione che si verifica quando esistono relazioni che compromettono l’indipendenza del medico, il cui giudizio professionale riguardante la salute del paziente viene indebitamente influenzato da un interesse economico o di altra natura.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Nino Cartabellotta

    Nino Cartabellotta (www.ninocartabellotta.it) è medico, specialista in medicina interna e gastroenterologia; si interessa di metodologia con competenze trasversali a tutte le professioni ed i livelli organizzativi del sistema sanitario. Fondatore nel 1996 del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze (www.gimbe.org), dal 2010 è presidente della Fondazione GIMBE. E’, inoltre, Direttore Responsabile di Evidence, rivista metodologica open access e Autore del blog “La sanità che vorrei”. 

Letture consigliate

"Perché ci ribelliamo"
di Victor Montori, pubblicato in Italia dal Pensiero Scientifico Editore.

Ho assistito ad un seminario di Montori in Sapienza. Rigoroso e guidato dai dati come deve essere uno scienziato serio ma anche capace di avere un’idea non allineata sull'interpretazione degli studi clinici e sul loro riflesso nella pratica clinica. E, soprattutto, completamente scevro per scelta radicale, da possibili conflitti di interessi. Del tutto inusuale e quindi...interessante da ascoltare e da leggere. (vt)

Conflitti d'interesse e salute
Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

La salute è un bene primario ed è, perciò, inevitabile che vi si concentrino grossi interessi economici e il rischio di conflitti d’interesse. E’ quindi irrinunciabile che ognuno di noi sia bene informato così da poter dire la propria come cittadino e, quando capita, come paziente o parente di paziente. Benvenuto quindi a questo libro. (vt)



© 2019 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image