Pubblicato il 08/10/18

Come stiamo? Notizie dal mondo sulla nostra salute - 3

Questa è la terza e ultima nota di una miniserie dedicata alla salute dell’umanità. Le due precedenti note le trovate su http://www.fivehundredwords.it/argument/it-come-stiamo-notizie-dal-mondo-sulla-nostra-salute-1 e http://www.fivehundredwords.it/argument/it-come-stiamo-notizie-dal-mondo-sulla-nostra-salute-2. La nota odierna focalizza le gravi diseguaglianze che ancora si registrano su un bene così ineludibile come la salute personale. (vt)
Il grado di salute e la capacità di curarsi sono straordinariamente diseguali tra regioni diverse del mondo, tra paesi diversi delle stesse regioni e, addirittura, all’interno di uno stesso paese o, da non crederci, all’interno di una stessa città. Per esempio, vive in Africa e nel Sud Est Asiatico la maggioranza dei 2 milioni di persone che ogni anno perdono la vita a causa di malattie infettive e nelle stesse regioni del mondo vivono la gran parte delle 230mila donne che annualmente perdono la vita durante il parto. In generale, si passa da un’aspettativa di vita di 46 anni in Sierra Leone agli 84 anni in Giappone, una differenza davvero enorme.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Vincenzo Trischitta

    Vincenzo Trischitta insegna Endocrinologia all’Università Sapienza di Roma e dirige un gruppo di ricerca sulla genetica del diabete e delle complicanze cardiovascolari presso l’Istituto Scientifico Casa Sollievo della Sofferenza tra Roma e San Giovanni Rotondo.

    Attribuisce agli scienziati il dovere della divulgazione e della informazione per una società più consapevole e più libera.

Letture consigliate

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image