Pubblicato il 04/02/19

Fondi sanitari: integrativi di nome, sostitutivi di fatto

Abbiamo già affrontato il tema della sanità integrativa (http://www.fivehundredwords.it/argument/it-il-mantra-della-sanita-integrativa-vera-necessita-o-sapiente-strategia-di-marketing). Ma conviene tornarci perché la situazione resta critica tanto da essere inserita in un rapporto della Fondazione GIMBE tra gli elementi principali che mettono a rischio la sopravvivenza del nostro SSN, almeno nella sua accezione universalistica. Volentieri pubblichiamo la nota di oggi che riprende gli elementi essenziali del rapporto GIMBE nell’idea che conoscere e capire sia l’unica strada per difendersi dal consumismo sanitario, dall’eccesso di medicalizzazione e dallo sperpero di danaro che una politica distratta e un mondo dell’impresa per lo meno cinico concorrono a sostenere. (vt)
Negli ultimi anni si è progressivamente fatta largo l’idea che il cosiddetto “secondo pilastro” – generato da un complicato intreccio tra fondi sanitari, assicurazioni e welfare aziendale – sia l’unica soluzione per garantire la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). La Fondazione GIMBE, invece, ha incluso l’espansione incontrollata del secondo pilastro tra le macro-determinanti della crisi di sostenibilità del SSN.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Nino Cartabellotta

    Nino Cartabellotta (www.ninocartabellotta.it) è medico, specialista in medicina interna e gastroenterologia; si interessa di metodologia con competenze trasversali a tutte le professioni ed i livelli organizzativi del sistema sanitario. Fondatore nel 1996 del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze (www.gimbe.org), dal 2010 è presidente della Fondazione GIMBE. E’, inoltre, Direttore Responsabile di Evidence, rivista metodologica open access e Autore del blog “La sanità che vorrei”. 

Letture consigliate

Cari scienziati la ricerca non e' spettacolo

Un accorato e condivisibile grido d’allarme rivolto agli scienziati che a causa del COVID-19 sono diventati assidui frequentatori di social media, tv, talk show, spesso senza saper dire “non lo so” e spesso litigando con i propri colleghi che la pensano in maniera diversa. Da sottoscrivere!

Da leggere

EMERGENZA COVID-19: La necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili. Il monito dell’Accademia dei Pazienti e dei Pazienti Esperti EUPATI

Sempre a proposito di informarsi bene in ambito medico, difendendosi da un eccesso di informazione (infodemia) quando non dalle fake news, emerge sempre maggiore la necessità di una corretta comunicazione da fonti affidabili e capita quindi a fagiolo il monito dell’Accademia dei Pazienti Esperti del progetto EUPATI

Da leggere



© 2020 - fivehundredwords.it - Credits
Le immagini a corredo degli articoli riprodotti su fivehundredwords.it provengono da ricerche effettuate su Google Image