Pubblicato il 25/01/16

I test di screening oncologico. Per favore, non tutti a tutti.

A poco a poco è sempre più evidente che in Medicina si tende ad esagerare. Si esagera con i farmaci, si esagera con le indagini strumentali e si esagera anche con i test diagnostici meno invasivi, quelli per cui spesso basta un solo prelievo di sangue. Di cosa sia necessario perché un test, quale che sia, assurga alla dignità di essere definito “diagnostico” abbiamo già parlato ormai qualche anno addietro su http://www.fivehundredwords.it/post/it-quando-un-test-merita-di-diventare-diagnostico. Ma il tema resta, purtroppo, attuale. La nota odierna si concentra sui test oncologici che, data la gravità mediamente molto alta delle patologie che si vuole diagnosticare, rivestono particolare importanza. Bene ha fatto, perciò, la fondazione GIMBE ad organizzare la stesura di un documento ufficiale che sottolinea i punti determinanti utili per i medici, i potenziali pazienti e, speriamo, chi ha responsabilità di organizzazione e controllo delle spese in sanità. (vt)
Le strategie di screening oncologico ad elevata intensità mirano ad identificare il maggior numero di tumori, nella speranza che la diagnosi precoce e la conseguente tempestività del trattamento coincidano sempre con una riduzione della morbilità e mortalità, senza comportare rischi: vengono pertanto ampliate le popolazioni target, utilizzati test più sensibili e aumentata la frequenza. Le strategie di screening variano anche in relazione al loro value: rispetto ai rischi e costi associati, quelle ad elevato value producono grandi benefici mentre le strategie dal basso value restituiscono benefici enormemente più piccoli.

Leggi l'intero articolo »

Autore/i

  • Nino Cartabellotta

    Nino Cartabellotta (www.ninocartabellotta.it) è medico, specialista in medicina interna e gastroenterologia; si interessa di metodologia con competenze trasversali a tutte le professioni ed i livelli organizzativi del sistema sanitario. Fondatore nel 1996 del Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze (www.gimbe.org), dal 2010 è presidente della Fondazione GIMBE. E’, inoltre, Direttore Responsabile di Evidence, rivista metodologica open access e Autore del blog “La sanità che vorrei”. 

Letture consigliate

"Perché ci ribelliamo"
di Victor Montori, pubblicato in Italia dal Pensiero Scientifico Editore.

Ho assistito ad un seminario di Montori in Sapienza. Rigoroso e guidato dai dati come deve essere uno scienziato serio ma anche capace di avere un’idea non allineata sull'interpretazione degli studi clinici e sul loro riflesso nella pratica clinica. E, soprattutto, completamente scevro per scelta radicale, da possibili conflitti di interessi. Del tutto inusuale e quindi...interessante da ascoltare e da leggere. (vt)

Conflitti d'interesse e salute
Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

La salute è un bene primario ed è, perciò, inevitabile che vi si concentrino grossi interessi economici e il rischio di conflitti d’interesse. E’ quindi irrinunciabile che ognuno di noi sia bene informato così da poter dire la propria come cittadino e, quando capita, come paziente o parente di paziente. Benvenuto quindi a questo libro. (vt)



© 2019 - fivehundredwords.it - Credits